LA NON IMPONIBILITA' IVA NELLE CESSIONI UE PDF Stampa E-mail
Giovedì 27 Marzo 2014 10:00

 

 
 
Corte di Cassazione e Agenzia delle Entrate hanno messo dei punti fermi sulla documentazione idonea a provare l'arrivo dei beni nell'altro Paese comunitario, che rappresenta uno dei presupposti per la non imponibilità nelle cessioni intra-Ue.
E' obbligatorio, per il cedente, avere copia della lettera di vettura (contratto di trasporto) firmata per ricevuta dal destinatario dei beni nello Stato di arrivo, oltre che dal vettore e dal cedente. In alternativa, gli elementi del contratto possono essere ricavati dal ddt firmato dal cessionario a riprova della ricezione della merce.
Se manca questa documentazione è probabile che i verificatori contesteranno la disapplicazione dell'imposta con le conseguenti sanzioni.
In virtù del rafforzamento della prova nel campo delle cessioni intra-Ue, le aziende sono tenute ad aggiornare le procedure interne relative agli obblighi di legge (richiesta identificativo Iva dell'acquirente, verifica della sua validità e compilazione del modello Intrastat), all'esecuzione degli adempimenti contabili (emissione della fattura con dicitura "non imponibile") ed amministrativi (copia della documentazione bancaria che attesta l'avvenuto pagamento); occorre ora conservare anche copia dei documenti contrattuali e commerciali (contratto di trasporto o ddt firmati dal destinatario).
Il tema è molto sentito per le vendite con clausola "franco fabbrica", quelle per cui la consegna viene effettuata con la semplice messa a disposizione della merce nei propri locali o in altro luogo convenuto. Nelle operazioni internazionali, però, ciò significa privarsi della possibilità di mantenere il controllo sull'operazione (trasporto e sdoganamento).
 
 
 
 
 
 
 
 ___________________________________________
   
Paolo Broglia
Dottore Commercialista - Revisore Legale
tel. +39 0733 283026
fax +39 0733 283027
cell. +39 393 1709669
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.studiocommercialebroglia.com