SPLIT PAYMENT, ARRIVA IL DECRETO ATTUATIVO PDF Stampa E-mail
Lunedì 02 Febbraio 2015 09:00

Il 23 gennaio scorso il Mef ha pubblicato il decreto attuativo per il c.d. "split payment".

Secondo tale meccanismo, le PA, anche se non rivestono la qualità di soggetto passivo dell'Iva, sono tenute a versare direttamente all'Erario l'imposta sul valore aggiunto che è stata addebitata loro dai fornitori. In altri termini sulla PA ricade l'obbligo di versare l'Iva relativa agli acquisti di beni e servizi effettuati sia nell'ambito dell'attività istituzionale che nell'ambito dell'attività commerciale direttamente all'Erario, invece di pagarla insieme al corrispettivo ai propri fornitori.

A loro volta, i fornitori dovranno indicare in fattura l'annotazione "Scissione dei pagamenti", evidenziando comunque l'imposta e indicandola a debito nei registri iva secondo quanto previsto dagli artt. 23 e 24 del Dpr 633/72, senza però farla partecipare nelle liquidazioni periodiche.

Il versamento dell'Iva dovuto è effettuato dalle PA entro il giorno 16 del mese successivo a quello in cui l'imposta diviene esigibile (cioè al momento del pagamento del corrispettivo).

Le nuove regole sono già in vigore dal 1° gennaio 2015 in seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Legge 190/2014 (legge di stabilità).

 

___________________________________________
Paolo Broglia
Dottore Commercialista - Revisore Legale
tel. +39 0733 283026
fax +39 0733 283027
cell. +39 393 1709669
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.studiocommercialebroglia.com