LAVORO INTERMITTENTE : CHIARIMENTI MINISTERIALI PDF Stampa E-mail
Martedì 02 Luglio 2013 05:39

 

Nella Circolare n. 27 del 27 giugno 2013, Il Ministero del Lavoro comunica le modalità operative, in vigore dal 3 luglio 2013, per adempiere all’obbligo di comunicazione preventiva della chiamata di lavoro intermittente.

 

Modello Uni-Intermittente

 

Il modello “UNI-Intermittente”, da compilarsi esclusivamente attraverso strumenti informatici, contiene i dati identificativi del datore di lavoro che effettua la comunicazione nonché quelli del lavoratore chiamato al lavoro.

Il modello di comunicazione “Uni-Intermittente” è disponibile all’interno del portale Cliclavoro.

 

MODALITÀ DI COMUNICAZIONE

 

Dal 3 luglio 2013 il modello “UNI-Intermittente” va inviato esclusivamente tramite:

1. email all’indirizzo di posta certificata Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

2. il portale www.cliclavoro.it - menu “Gestione chiamate intermittenti”, accessibile dall’area riservata previa registrazione;

3. invio SMS.

 

E-MAIL all'indirizzo di posta elettronica certificata

In merito alla modalità di invio e-mail all’indirizzo PEC, il Ministero del Lavoro ricorda che:

• deve essere allegato alla mail il modello “Uni-Intermittente” compilato in ogni sua parte;

• ogni singolo modello consente di comunicare fino ad un massimo di 10 lavoratori coinvolti (anche per periodi diversi);

• l’indirizzo e-mail del mittente può non essere un indirizzo di posta elettronica certificata in quanto la casella Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. è abilitata a ricevere comunicazioni anche da indirizzi di posta non certificata.

 

Portale Cliclavoro

In alternativa, al fine di generare il modello “Uni-Intermittente”, è possibile la compilazione di un apposito modulo, accessibile dal portale Cliclavoro (www.cliclavoro.gov.it).

Il datore di lavoro (o il soggetto abilitato) è tenuto ad accedere all’apposita funzionalità (menu “Gestione chiamate intermittenti”), accessibile dalla propria area riservata.

Al fine di accedere al servizio di invio delle chiamate di lavoro intermittente è necessario procedere alla registrazione sul portale.

Il Ministero chiarisce che tale canale permette l’invio della comunicazione per più lavoratori e periodi di prestazione, anche diversi, riferiti alla stessa azienda.

 

Invio SMS

Una modalità ulteriore, utilizzabile esclusivamente in caso di prestazione da rendersi non oltre le 12 ore dalla comunicazione, è data dalla possibilità di inviare un sms al nr. 339-9942256.

Si tratta di una modalità eccezionale di comunicazione della chiamata di lavoro intermittente da utilizzarsi esclusivamente per le prestazioni che hanno inizio non oltre le 12 ore dal momento della comunicazione (e che quindi possono terminare anche dopo le 12 ore dalla comunicazione), avendo cura di indicare almeno il codice fiscale del lavoratore utilizzato.

Anche in questo caso è necessario prima procedere alla registrazione al portale Cliclavoro, avendo cura di indicare nel form di registrazione il numero di telefono cellulare che sarà utilizzato per l’invio del modello, al fine della verifica, da parte degli organi di vigilanza, dell’esatto adempimento dell’obbligo.

 

Annullamento del servizio informatico

Qualora il lavoratore non si presenti al lavoro in una giornata indicata nella comunicazione preventiva, il datore di lavoro, entro le 48 ore successive al giorno in cui la prestazione doveva essere resa, può provvedere ad inviare una comunicazione di rettifica, annullando così la precedente.

Al riguardo il Ministero chiarisce che l’annullamento può essere effettuato esclusivamente:

• tramite e-mail da indirizzare all’indirizzo PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

• riprendendo il modello on line precedentemente inviato, selezionando le prestazioni già comunicate che si intendono annullare nonché il tasto “annullamento”.

 

Malfunzionamento del servizio informatico

In caso di malfunzionamento del servizio informatico i soggetti abilitati possono adempiere agli obblighi inviando, nei termini previsti dalla legge, il Modello “UNIintermittente” al numero di fax della competente Direzione territoriale del lavoro.

Ai fini della prova il datore di lavoro è tenuto a conservare la copia del fax unitamente alla ricevuta di malfunzionamento rilasciata dal servizio informatico. In tal modo è possibile attestare agli organi di vigilanza la buona fede del datore di lavoro e la circostanza che l’inosservanza dei termini è stata determinata da un oggettivo impedimento.

 

LAVORATORI DELLO SPETTACOLO

 

Le aziende che intendono utilizzare con contratto di lavoro intermittente i lavoratori dello spettacolo di cui al D.Lgs del Capo provvisorio dello Stato n. 708/1947 adempiono all’obbligo di comunicazione preventiva con la sola presentazione del c.d. “certificato di agibilità”.

 

SANZIONI

Il regime sanzionatorio rimane quello previsto dall’articolo 35, comma 3 bis del D.Lgs n. 276/2003, pertanto, in caso di violazione degli obblighi in materia di comunicazione preventiva del lavoro a chiamata si applica la sanzione amministrativa da euro 400 ad euro 2.400 in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione.

Il Ministero ribadisce quanto comunicato nel Vademecum allegato alla Lettera circolare del 22 aprile 2013 (si veda Aggiornamento AP n. 181/2013) ed in particolare al fatto che la sanzione in esame trova applicazione con riferimento ad ogni lavoratore e non invece per ciascuna giornata di lavoro per la quale risulti inadempiuto l’obbligo comunicazionale. In sostanza, per ogni ciclo di 30 giornate che individuano la condotta del trasgressore, trova applicazione una sola sanzione per ciascun lavoratore.

 

 

02-07-2013



_______________________________________________________

BROGLIA
STUDIO COMMERCIALE LEGALE
TRIBUTARIO E DEL LAVORO
Viale dell'Industria, 233
62014 - Corridonia (MC)
Silvio Broglia
Consulente del Lavoro
Delegato Fondazione Consulenti per il Lavoro n. MC01940FL
Consulente Tecnico d'Ufficio - Tribunale di Macerata (n. 27)
tel. +39 0733 283026
fax +39 0733 283027
cell. +39 347 5942260
e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.studiocommercialebroglia.com