Arrivano gli "alert" per gli autonomi

In arrivo altri 5mila “alert” dall’agenzia delle Entrate che si vanno ad aggiungere alle 718mila comunicazioni già inviate quest’anno.

Interessati a questa nuova missiva i lavoratori autonomi (abituali o occasionali) che hanno percepito nel 2012 compensi soggetti a Iva e che non hanno dichiarato, in tutto o in parte, quei redditi. Le Entrate li invitano a regolarizzare la propria posizione, emersa perché questi stessi redditi sono stati indicati nel modello 770 dai sostituti di imposta.

 

Anche questa tranche di lettere rientra nella nuova strategia di compliance avviata dall’agenzia delle Entrate, che permette ai contribuenti di sistemare i sospesi con sanzioni ridotte e senza accertamento se i contribuenti scelgono di rimettersi in carreggiata da soli.

 

Nella comunicazione il contribuente viene informato dell’anomalia riscontrata, e gli viene ricordato che può avvalersi del ravvedimento operoso che consente una sostanziale riduzione delle sanzioni.

 

Per l’invio l’agenzia delle Entrate questa volta si è avvalsa sia della posta elettronica certificata, se l’indirizzo del lavoratore autonomo è presente nell’Indice nazionale degli indirizzi Pec (Ini-Pec), istituito presso il ministero dello Sviluppo Economico, sia attraverso la posta ordinaria. La stesse informazioni sono comunque sempre riportate nel «Cassetto fiscale» del contribuente.

 

fonte dati www.ilsole24ore.com

 

 

 

 

___________________________________________
Paolo Broglia
Dottore Commercialista - Revisore Legale
tel. +39 0733 283026
fax +39 0733 283027
cell. +39 393 1709669
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.studiocommercialebroglia.com